POESIE



“Dobbiamo assolutamente pensare a piccole cose; piccoli progetti, piccole strutture, piccoli gesti, piccole comunità, piccoli abbracci, piccolissimi baci” 




"Le montagne salveranno il genere umano. Grato il mare dona follie nelle tenui sere di primavera. Vago sulla tua soffice carne bianco avorio. Mi perdo in un abbraccio che il romito canta e incanta. Spiegarsi non sa ! Ma presto capiremo tutti con l’intuito"




(Non) cedere sul cammino della resistenza

La televisione di potere ha comunicato di protestare con rabbia e dolore

Hanno rubato la terra, l’acqua e il cielo

Protestate con rabbia e dolore

Hanno rubato la strada, i borghi e i quartieri

L’hanno detto alla televisione è un comunicato irreversibile

I giornalisti hanno venduto le penne e sono tutti in fila alla Mediaworld

Comperano monitor per annunciare grandi opere

Ora spingiamo carrelli della spesa colmi di rabbia e dolore




La crisi

Blocccati... con i pensieri 

con la schiena 

con le richieste d’amicizia 

con le idee 

con il conto in banca 

con la voce 

con il passaggio pedonale 

con il sito 

con i battiti cardiaci




Io sono monte Gada al sapore di fragoline e lamponi.

Da un lato mi nutro di brezza marina, dall’altro porto in grembo pietre sagge che non ricordano l’età. 

Probabilmente sono sacre, probabilmente conservano segreti.




Prendiamo bene tutto / Prendiamolo dalla civiltà / dalla storia / dal potere / dal solito discorso e dalla solita retorica. Attoniti guardiamo / prendiamolo / guardiamolo / tocchiamolo, che non ci sfugga di mano.